Español | English | Italiano

Analogie

Nel compromeso con il paese che li accolse, i Perosio, sin dal loro arrivo ,si dedicarano al duro quanto fecondo laboro dei campi coltivando la terra da sole a sole nella esperanza di poter costruire un futuro migliore per sé stessi e per i proppi figli in questa nuova, promettente patria di adozione.

Inicialmente, quindi i Perosio furono agricoltori, ma in seguito si distinsero anche come impiegati, funzionari, commercianti, industriali ed eccelenti professionisti. Purtroppo, oltre a bagnare la terra col proprio sudore i Perosio la intrisero pure del proprio sangue. Due tragici fatti, in particolare, testimoniano questa realta che ,disgraziatamente integra ormai la storia della nostra famiglia.

In due distinti periodi casualmente segnalati come i piu infami della storia rgentina, due Perosio un uomo ed una donna furono assassinati dovuto al proprio impegno sociale con il paese, che aveva accolto i loro antenati giunti su queste sponde in epoche diverse. Ma diversi non erano quegli stessi nemici del popolo che spinti sia da furia omicida che ressi tolsero lora la vita nel fior fiore degli anni. Per una tragica concidenza entrambi erano appena trentenni.

Il primo luttuoso incidente acadde nel 1930, durante la seconda presidenza di Hipólito Irigoyen.

Domingo Luis Perosio, nato il 14 settembre 1897, modesto lavoratore membro duna caratteristica famiglia rosarina, impiegato postale e ferroviario della provincia di Santa Fe prima, agricoltore nella provincia di Cordoba in un secondo momento, volendo participare attivamente alle rivendicazzioni del suo popolo, s´iscrisse al radicalismo irigoyenista.

Nominato funzionario dal suo partito politico; L´Unione Cívica Radicale, fu assegnato comme commisario di Pubblica Sicurezza alla localita di Rio Primero (Provincia di Cordoba) in un´epoca in cui non esisteva ancora la carriera di agente di polizia, erano i Sindaci delle diversi localita che designava tali rappresentanti dell´ordine pubblico in funzione delle loro qualita di uomini onesti, dotati di conserevoli principi etici e solide convinzioni.

In modo particolare era affidato loro il compito di garantire un oculato controllo sullo svolgimento degli atti elettorali, specialmente in quelle provincia con gravi antecedenti di frode , perpetrati in forma reiterata dai conservatori .

Approfitando la confusione originatasi nel corso d´una riunione politica del Partito Conservatore, sicari di questa fazione riuscirono ad imboscarlo e ad assassinarlo vilmente nella Piazza principale di Santa Rosa de Calamuchita .Era la Domenica del 20 de Aprile del 1.930.

Domingo Luis Perosio
Domingo Luis Perosio.

La vittima lasciva tre picolissimi figli orfani il maggiore dei quali aveva apopena 7 anni.


La stampa , con alla testa il giornale Critica di Buenos Aires diretto da Natalio Bottana diffuse una versione montata e difamatoria del fatto, tendente a far ricadere tutta la responsabilita sopra il partito gobernante . Era ancora una volta , un tentativo in piu per minare la stabillita del goberno democraticamente eletto e spianare il cammino al colpo di stato che , poco dopo apri un funesto periodo di dittadura militare.


Il giornalle della sua citta ne faceva un ritratto di vitta esemplare.


Il Suo funerale nel cimitero " El Salvador" di Rosario, la cittą nativa.

Quatro mesi piu tardi ; esattamente il 6 settembre del 1930 , il Generale Jose Felix Uriburu con la complicita dell´Academia Militare, della Scuola di Comunicazione, truppe dell´esercito che ocuparono la Casa Rosada, sede del goberno dichiararo deposto il presidente costituziuonale Irigoyen che frattanto aveva delegato il comando al vicepresidente Martinez.

Era la prima volta in sessanta anni di vita istituzionale che un presidente eletto oltre ad essere spogliato della sua investitura veniva anche imprigionato.

Si verificarono scontri armati dinnanzi al palazzo del Congresso nel corso dei quali morinoro otto persone , ma finalmente molta gente applaudi lungo le strade l´entrata in cita delle truppe.

Il giornale Critica, ispiratore del colpo di stato ,riusci a raggiunge una tiratura di 483000 esemplari ( una cosa inconcepibile per quei tempi).

Uriburu che presto giuramento como Presidente provisorio di transizione mentre la Corte Suprema legalizava quelli atto di assunzione che era assolutamente inscontituzionale, venne decretata la legge marziale, con conseguenti perquisizione, arresti e torture di dirigenti politici e sindacali, ci furono persino alcune fucilazione, anche due generali che vollero onorare il proprio giuramento di fedelta al presidente deposto; Mosconi e Baldrich furono messi ai ferri.

Irigoyen confinato nell´ isola Martín García , venne indagato da un giudice che pretendeva investigare irregorarita che non furono mai potute essere comprovate.

Il secondo evento si determino durante la dittadura militare della decada del 70.

Beatriz Leonor Perosio era nata in Buenos Aires il 18 de Agosto del 1948, da una ottima famiglia capitalina residente nel quartiere Palermo ed era cresciutta quindi in una zona abbastanza céntrica. Dotata d´uno spirito indómito, sebbene fosse stata educata in un collegio religioso, preferiva giocare al calcetto con i suoi coetanei maschi piuttosto che trastullarsi con le bambole. Con quel caratterino non era certo disposta a sopportare autoritarismi né a cercare di dissimulare le sue idee o rinunciare a difendere le sue verita.

Dopo il colpo di stato militare che nel 1976 provoco la caduta di Maria Estela Martinez de Peron , essendosi autonominato Presidente della Repubblica il generale Jorge Rafael Videla , che organiza il Campionato del Mondo di calcio.

Beatriz Leonor Perosio riconosciuta dalle sue opere politiche e sindacale, nel 1977 fu nominata Presidente dell´Associazione di Psicologi della citta di Buenos Aires (APBA) oltre che della Federazione di Psicologi della Repubblica Argentina (FEPRA).

Quando nell´Agosto del 1978 fu secuestratta mentre dirigeva il giardino infantile che aveva fondato insieme ad una sua amica destinato alla formazione di quei piccoli che posteriormente potessero pensare liberamente ed avere coscenza critica, era appena trentenne ed ancora ancora nubile .Lascio una nota ad una collega indicando in forma approssimativa la destinazione ove suppostamente sarebbe stata condotta , ma disgraziatamente non se n´ebbe piu notizia .


Beatriz Leonor Perosio.
 

Appogiando una iniciativa intrapresa dalla famiglia della scomparsa sia L´ A.P.B.A come la F.E.P.R.A e la C.G.P presero posizione su quanto accadutto e realizzarono varie gestioni davanti alla giustizia, alla stampa nazionale ed internazionale oltre che agli organismi di difesa dei diritti umani ed alle entita di psicología tanto nazionali che straniere, il tutto naturalmente con resultati negativi .

Mentre il paese festeggiava ancora il titolo di Campioni del Mondo recentemente conquistato, dall´estero si denunciava l´esistenza in Argentina di campi di concentramento e di sterminio, nell´euforia della vittoria sportiva, preferiva non voler accetare quella tragica realta.

Come analogía finale , entambi i crimini restarono impuniti.


Copyright © 2003-2017 . L'accesso ai testi e le immagini ha digitalizzato l'al è soltanto offerto l'effetto della sua consultazione con la fine educativa, ricreativa o di investigazione. Non è permesso la sua pubblicazione o riproduzione da qualunque mezzo fisico o elettronico senza l'autorizzazione da parte di .
Disegno di Railef