Español | English | Italiano

Gli Perossio Artola

Antonio Perosio (1849-1893), uno dei figli di Francesco Perosio e Luigia Bondanza, è nato in Ronco Scrivia, provincia di Genova, altitudine m. 345 s.l.m., Sup. Kmq. 30,51, abitanti 4850.

Ronco Scrivia ha poco più di 200 anni come comune ma vanta una storia quasi millenaria, come testimonia anche il nome - Ronco deriva dal verbo latino-medievale “runcare”, dissodare nuove terre sino al allora incolte. La città che questo divise in due parti dal torrente Scrivia, per l'autostrada e per la ferrovia. Ronco è presentato come una dilazione grande di case basse fra monti molto alti: il più alto è Monte Reale (902 Mts.)


Ronco Scrivia.

La parte ma vecchia della città è Villavecchia che è riconosciuto dalle case costruite e tipiche uno colpì all'altro. In questa area noi troviamo un ponte Romano e il Vía Postumia che di tempo Génova unì con Aquileia che passa Libarna cui escavazioni oggi loro costituiscono il luogo archeologico e principale dell'Abbasso Piamonte.

Per la mancanza di possibilità di progresso nella sua terra , forse stimulato dalla partenza precedente verso America, della famiglia, (Veda Il primo Perosio nel “Río de la Plata”), lui decide piccolo tempo più tardi emigrare a Uruguay e stabilisce in giù nel Dipartimento Artigas, al nord dell'Uruguay.

In Italia loro erano i genitori e fratelli Stefano Celestino e Rosa… Pressocché cinquanta anni più tardi figli di Celestino (fratello di Antonio) loro emigrarono a Buenos Aires, Argentina…

Artigas è uno dei dipartimento di Uruguay, nel nordovest del paese. Limiti al nord e l'est con la frontiera brasiliana, all'ovest con Argentina da mezzi del fiume l'Uruguay, e al sud col dipartimento di Salto. In un paese molto piatto è dominantemente un reparto di colline o altopiani (rampogni), di lava vulcanica, basaltica, dell'età di Jurasico e Cretacico cui indietro danno un pendio molle verso il fiume Uruguay mentre all'est presenta una fronte abbrancata. In lei degli allineamenti dell'aumento di montagne denominarono coltelli (coltelli di Belén, di Yacaré di Tres Cruces e Sepultura), fra quelli per i quale preparano le altre valli così molte dove ruscelli riflettono (Itacumbú, Naquiná) e il fiume Arapey quelli daranno direttamente al fiume Uruguay, e altri al fiume Cuareim che serve come frontiera brasiliana.


Chiessa San Martino Vescovo.

In Agosto di 1847 era arrivato a Artigas il generali uruguaiani Diego Lama. Lei Leccata che stabilisce in Tre Croce e i pochi mesi più tardi nell'attuale Passo del dipartimento di Cuaró Grande, fermare le frequenti intrusioni territoriali del barone brasiliano Yacuhy.

Per quel tempo un basco chiamato Vicente Saralegui passò occupare le terre di proprietari assenti, localizzò fra il ruscello Cuaró e il fiume Arapey.

È possibile che Saralegui fece commenti a un giovane basco, chiamato José Artola Martinicorena impiegato in Montevideo nella compagnia Taranco, la vendita di campi nel luogo.

José Artola acquisì in 1870 uno di quelli campi, installano una fattoria chiamata Cuaró.

Vicente Saralegui assassinato crudelmente, continuarono lo sfruttamento suo figli Zacarías, Lorenzo e Miguel Saralegui e arrivarono di Paese Basco suo figlio-in-legge José Lopez Saralegui , risolse stabilire una società con José Artola il proprietario della fattoria Cuaró chiamata Artola-Lopez Saralegui.


Uruguay.

Cuaró era il punto costretto per dove passarono la maggior parte delle merci in traffico commerciale con Brasile.

José Artola Martinicorena era uno dei primi uomo terriero di Artigas che si preoccupò del miglioramento delle razza di pecoras, con l'importazione da 1884 di esemplari preziosi merino Vermonth da Stati Uniti. Degli anni più tardi i loro soggiorni e principalmente il soggiorno rinomato Cuaró, purché da riproduttori a bovari del nord uruguaiano.

La qualità delle lane che loro raggrupparono fu riconosciuta in Europa a dove esportarono e lo rimettono con l'etichetta di Lana di Cuaró o Merino Cuaró, l'uno che produce un percentuale più grande nella pettinatura dovuto alla sua scioltezza che quello del resto di Uruguay.


Fiume Cuareim.

José Artola era un uomo progressivo che seppe come amministrare la sua produzione dei bestiame bovino e incentiva e collaboratori rimunerativi che lui portò di contee basco e li abilita secondo era l'abitudine.

La società fece non solo porti manodopera qualificata nella procreazione della pecora, principalmente arrivo dai villaggi di Errazquin, Inza e Betelú; chiese anche la presenza di gioventù basco come donne per servizio delle loro famiglie, ma con l'obiettivo principale di realizzare matrimoni fra gli immigranti basco.

Antonio Perosio (1849-1893) lui stabilisce in giù prima nell'area come fabbro ferraio nella fattoria menzionata, là sa una di le sorelle di José Artola Martinicorena, chiamata Fermina nate in Errazquin Paese Basco con chi si sposa nella chiesa della popolazione di Santa Rosa, ( oggi Bella Union ) il 23 di Novembre di 1875 e muore il 8 Febbraio di 1893 in Yucutujá, Dipartimento di Artigas.

Loro avevano cinque figli:

Nota: Per caratteristica degli errori da epoca, il cognome fu deformato e il suo discendenti registrati come Perossio.

  1. Francisco Perossio Artola (1876-1939), un uomo terriero, si sposò con Josefa Beraza Aretola , nata in Errazquin, Paese Basco; avevano 9 figli: a) Francisco; b) Felipe; c) Josefa; d) Elena; e) María; f) Rosa; g) Ema; h) Nieves e i) Juan Perossio Beraza.
  2. Maxima Perossio Artola (1878-1970), si sposò con Aquiles Lucini Manani il 23 Marzo di 1899 in Cuaró, 9 figli: a) Camilo; b) Fermina, c) Victorio; d) María; e) Casimiro; f) Crispín; g) Ursula; h) Antonio e i) Julio Lucini Perossio.
  3. Petrona Perossio Artola (1880-?), si sposò con Miguel Soravilla Ochonarena, 7 figli: a) Juan; b) Severina; c) Demetrio; d) María; e) Francisca; f) Benito e g) Miguel Soravilla Perossio.
  4. Luisa Perossio Artola nata il 27 di Luglio 1882, sposata con Pablo Riva, un figlio.
  5. Fermina Perossio Artola, nata il 12 di Maggio 1885 , sposata in 1906 con Maximo Severino Ramos.

Francisco Perossio Artola.
Copyright © 2003-2017 . L'accesso ai testi e le immagini ha digitalizzato l'al è soltanto offerto l'effetto della sua consultazione con la fine educativa, ricreativa o di investigazione. Non è permesso la sua pubblicazione o riproduzione da qualunque mezzo fisico o elettronico senza l'autorizzazione da parte di .
Disegno di Railef