Español | English | Italiano

Silvia Perossio Esteves

Silvia Perossio
Silvia Perossio

Silvia Perossio Esteves, è nata in Montevideo il 10 di Gennaio di  1961. I loro antenati erano di Ronco Scrivia, Francesco Perosio e Luigia Bondanza. (vedere gli Perossio Artola).

I laureati in 1989 della Facoltà di Architettura dell'Università della Repubblica Orientale dell'Uruguay, col titolo di Architetto. In 1999 esegue una Maestria in Bioclimatica di Edifici ed Architettura Intelligenti, nella Università Politecnica di Madrid – Scola Tecnico Superiore di Architettura di Madrid. È stato eseguito come l'Insegnante Incluso G. 3 della Facoltà di Architettura nelle Officine di Sommer, Sprechman, Otero e Perdomo. È autore di vari articoli pubblicati, fra l'ones che è accentuato "Il senso di guardare" nel contributo con l'Architetto Gastón Boero. Ottiene il Premio della Competizione del Monumento All'Olocausto del Popolo Ebreo, associare all'Arq. G. Il Boero e F. Fabiano.

Molti lavori e vinse competizioni di architettura, il più rinomato:  

“Il Memoriale all'Olocausto di popolo ebreo”

Il primo premio in Competizione Nazionale in Uruguai  1994.  
Dichiarato  Monumento Storico Nazionale in Uruguai
Selezionato nella  Biennale di Architettura del mondo in  1995.     
Esposto nella Biennale di Cile     
Selezionato fra il migliore lavoro latino americano,per la fundazione Mies van  der Rohe - 1998   
Esposto in Il Museo di Arte Moderno di New York.
Rambla di Montevideo, Uruguai.

 


Questo lavoro non è un lavoro che appartiene alla comunità Ebrea.

È un lavoro Nazionale Uruguaiano . È stato progettato dal punto di vista politico dalle autorità dell'epoca e ha eseguito con lo sforzo popolare. La comunità Ebrea ha collaborato le come altre comunità, ama in generale tutta la popolazione ha sostenuto la costruzione di questo Monumento.

Il Memoriale è situato nella Rambla Wilson di Montevideo in contrasto con il campo di golf. La vista dalla Rambla compare come profilo di pietra oblungo. Consiste di una parete di 10 metri dalla lunghezza, parallelo al fiume Rio de La Plata .

Nel suo sviluppo ha descrizioni varie. La Paretesimbolizza al Popolo ebreo ed alla Rottura della Parete, al Olocausto

Nonostante questa si rompe, la parete effettua la relativa integrità e questa orientate verso la speranza. Dal litorale il Memoriale ha altra potenza. Arrivati per l'estremo dall'ovest il Sentiero per pedoni che  conduce alla rottura.

La struttura della costruzione delle pietre di granito simili ai sillares genera una rappresentazione di associazione come se fuori della Parete dei pianti e della Rambla Sud, che integrano allo stesso tempo, della coltura biblica e nazionale. La rottura della parete e dei marciapiedi adiacenti genera una situazione di insicurezza. Qui sono tolte due grandi Pietre dil Disaccordo inclinati verso il mare che impediscono una visualizzazione libera del futuro.

Le ha prima e dopo è attraversato tramite i Ponticelli del Dubbio che collega la rottura col Valle della Meditazione. È un posto per essere nell'intimità , in cui la parete acquista la massima espressione nelle dimensioni.

È uno spazio urbano di forza grande, isolato del molo , espanso verso il paesaggio litoraneo naturale. La pavimentazione è irregolare, di struttura e colora simile alle pietre del luogo. Dopo la piazza ,  l'uscita is per  una  ampia scala e una rampa ascendente che è elevata , finalmente verso la Strada  della Speranza. Sua posizione al margine del fiume ,suggerisce l'apertura delle acque in modo che il Popolo accada alla libertà, come se fuori pure del posto vicino dove gli immigranti hanno entrato in chi ha trovato il riparo nell'Uruguai.

Copyright © 2003-2017 . L'accesso ai testi e le immagini ha digitalizzato l'al è soltanto offerto l'effetto della sua consultazione con la fine educativa, ricreativa o di investigazione. Non è permesso la sua pubblicazione o riproduzione da qualunque mezzo fisico o elettronico senza l'autorizzazione da parte di .
Disegno di Railef